Renzi – Grillo. Ecco chi ha vinto… anzi, chi ha perso

Di seguito alcuni tweet a caldo apparsi sui profili dei vari commentatori politici mentre lo streaming era in corso, o subito dopo:
1 3 2 4 5 6 7

Andrea Scanzi non è riuscito a concentrare il suo pensiero in 140 caratteri sull’incontro Renzi – Grillo ed ha preferito scrivere un pezzo per il Fatto Quotidiano, ma alla fine ha scritto quello che ci si aspettava. Poca Fantasia, molta Retorica.

(…) Parliamo di cose serie. Grillo ha studiato a tavolino l’incontro – che palesemente non voleva fare – con l’unico intento di vomitare addosso al sindaco part time di Firenze tutta la rabbia dei milioni di italiani che lo hanno votato (e dei milioni di italiani che già si pentono di avere dato fiducia al Bomba). Per fare ciò, Grillo ha scientemente tolto spazio e rotto il fiato a Renzi, impedendogli di partire con le supercazzole come è solito fare – e come aveva fatto Letta nello streaming coi 5 Stelle. In questo senso, e solo in questo senso, il suo monologo ha funzionato.Renzi ha annaspato e cercato a fatica qualche contromossa verbale (alcune le ha trovate: “Esci da questo blog” non è male. Bravo).

Ma c’è stato davvero un vincitore, o la diretta streaming è stato l’ennesimo teatrino della politica all’italiana? Secondo un sondaggio Ixè, diffuso da Agorà di Rai3, avrebbe vinto Renzi, ne sono convinti il 43% degli intervistati. Il 13% ha invece visto prevalere Grillo. Secondo il 10% non ha vinto nessuno, mentre il 34% ha affermato di non aver visto il confronto.

Per me hanno perso entrambi. Matteo Renzi perché avrebbe dovuto alzarsi e andarsene 30 secondi dopo l’inizio del monologo. L’errore è stato accettare da Presidente incaricato di partecipare ad uno spettacolo indegno per la democrazia. Beppe Grillo perché ha tradito il mandato ricevuto dal suo movimento, che era quello di ascoltare e replicare.